Il Grinch: il nemico del Natale torna in un film animato

film il grinch

A 52 anni dalla versione animata televisiva diretta da Chuck Jones e Ben Washam, con Boris Karloff narratore, e a 18 da quella live action per il cinema, con Jim Carrey mattatore e Ron Howard alla regia, a Natale 2018 torna nelle sale il protagonista del racconto in rima per bambini “How the Grinch Stole Christmas!”, scritto e illustrato nel 1957 dal Dr. Seuss: il Grinch. A riportarlo sul grande schermo, stavolta in versione animata in computer grafica, è la Illumination Entertainment, casa madre di “Cattivissimo me”, “Minions” e “Pets”, insieme alla Universal Pictures.

Il Grinch”, in arrivo in Italia il 29 novembre, è firmato da Scott Mosier e Yarrow Cheney e vede due volti famosi prestare la voce al burbero personaggio nemico del Natale. Nella versione originale è l’attore britannico Benedict Cumberbatch, mentre per quella italiana è stato scelto Alessandro Gassmann. «Non è per niente facile doppiare un film come questo – ha spiegato Gassmann – non si tratta di fare la voce di un pupazzetto. Si parte da un’ottima scrittura, e si deve dare vita a un personaggio vero. Questo è un film per grandi e piccoli, fa schiantare dalle risate e commuove.»

Al centro della storia c’è un essere peloso di colore verde, cinico e brontolone, che odia il Natale fin da quando era piccolo e vive isolato sul Monte Briciolaio, con la sola compagnia del suo fedele cane Max. Con una grotta piena di strane invenzioni e complicati aggeggi che utilizza per le sue necessità quotidiane, il Grinch incontra ogni tanto solo i suoi vicini del paese di Chistaquà, dove è costretto a recarsi quando termina le scorte di cibo. Ogni anno a Natale i Nonsochì, gli abitanti di Chistaquà, interrompono la tranquilla solitudine del Grinch con le loro celebrazioni sempre più fastose, più luminose e più rumorose. Quando i Nonsochì dichiarano che festeggeranno il Natale tre volte più in grande rispetto all’anno precedente, il Grinch si rende conto di avere solo un modo per proteggere la sua pace: rubare il Natale. Per fare ciò, decide che si travestirà da Babbo Natale la notte della vigilia, per intrufolarsi nelle case dei Nonsochì e sottrarre loro tutto ciò che è legato al Natale.

Ma il Grinch incontrerà sulla propria strada una ragazzina esuberante di nome Cindy Lou, che insieme alla sua banda di amici, si è prefissa di intrappolare Babbo Natale durante il suo giro per la consegna dei regali, solo per ringraziarlo per l’aiuto dato a sua madre, una donna single oberata di lavoro. A mano a mano che il Natale si avvicina, tuttavia, il suo piano bonario rischia di scontrarsi con quello più scellerato del Grinch. Riuscirà Cindy Lou a coronare il suo sogno di incontrare finalmente Babbo Natale? E riuscirà il Grinch a porre fine una volta per tutte al festoso chiasso dei Nonsochì?

Divertente, commovente e visivamente sbalorditivo, “Il Grinch” è una storia universale sullo spirito del Natale e sull’indomabile forza dell’ottimismo. Questo nuovo adattamento dell’amato classico di Natale piacerà ai bambini, ma anche agli adulti, e darà nuova linfa a quella che da sempre è considerata un’icona del Natale, nonostante il suo malcelato odio per questa festa e un caratteraccio che ricorda quello dello Scrooge di “Canto di Natale” di Dickens. Perciò preparatevi all’esplosione della Grinch-mania e all’invasione di gadget, peluche, decorazioni natalizie, capi di abbigliamento e quant’altro con stampato sopra il faccione verde del Grinch.

© Riproduzione riservata

Rispondi