Arezzo si trasforma nella Città del Natale

arezzo natale

Un’intera città d’arte e storia immersa nell’atmosfera natalizia, per svelare ai visitatori un volto inedito e invitare a trascorrere piacevoli momenti di festa abbinando cultura e divertimento: questo è Arezzo Città del Natale. L’atteso calendario di eventi che ogni anno anima l’incantevole città toscana torna quest’anno dal 25 novembre al 7 gennaio con tanti appuntamenti nelle vie del centro storico, tra allestimenti a tema, stand gastronomici, giochi, concerti e spettacoli. Un’occasione speciale per visitare le tante meraviglie artistiche e culturali che Arezzo può offrire.

L’edizione 2017 di Arezzo Città del Natale sarà dedicata al tema “Luce che rivela bellezza”. Un originale percorso di istallazioni luminose farà brillare di magia le piazze e le strade principali, mettendo in evidenza, in modo originale, monumenti e architetture. Cuore dell’iniziativa sarà Corso Italia, grazie al progetto “LuminArte”, che affiancherà alle tradizionali luminarie innovative proiezioni artistiche architetturali. Autori di questo particolare allestimento dieci studenti del corso di grafica del liceo artistico cittadino “Piero della Francesca”, capaci, in collaborazione con Officine della Cultura, di realizzare una galleria d’arte a cielo aperto che partirà dalla Chiesa di Santa Maria della Pieve e raggiungerà via dei Peleati. La luce sarà protagonista anche con “Christmas Lights”: dal 2 dicembre luci natalizie verranno proiettate sulle mura della città, mentre in alcuni scorci cittadini troveranno sede installazioni artistiche a led. Altri led illumineranno a migliaia il Prato della Fortezza Medicea, la statua del Petrarca e il viale che porta alla Fortezza, creando l’illusione di un “Bosco incantato”.

La luce delle stelle del Natale” sarà una delle tante proposte della Fortezza dei Bambini, all’interno della Fortezza Medicea, aperta con ingresso gratuito ogni fine settimana dalle 14 alle 18. Qui verrà allestito un planetario astronomico digitale con proiettore all-sky effetto 3D, che mostrerà il cielo stellato e la bellezza dell’universo. I locali della Fortezza ospiteranno anche laboratori didattici, spaziando dagli antichi mestieri artigiani alla costruzione di giocattoli di legno, dai laboratori teatrali alla costruzione di oggetti astronomici. Non mancheranno elfi e spettacoli di burattini.

Oltre agli eventi legati al filo conduttore della luce, tanti spettacoli, messi in scena dalle associazioni culturali aretine, renderanno indimenticabile l’intero periodo delle festività. Musica, teatro, mimo, danza: da Piazza della Badia a Piazza Sant’Agostino ogni angolo della città sarà animato da performance che avranno come tema il Natale. Tra gli eventi da non perdere c’è “Ice Christmas”, un’esibizione di scultori di ghiaccio in programma il 25 e il 26 novembre e il 26 dicembre negli spazi del Prato. Il due volte campione del mondo della specialità Francesco Falasconi e la sua squadra di scultori realizzeranno meravigliose sculture di ghiaccio a tema: angeli, renne, slitte, Babbo Natale e tanto altro. Tutti potranno ammirare la sapiente arte di scolpire il ghiaccio e vedere passo per passo come si realizza un’opera d’arte. Le monumentali opere rimarranno poi esposte fino al loro naturale scioglimento.

Il ponte dell’Immacolata sarà caratterizzato dal “Festival dei Madonnari”. Dall’8 al 10 dicembre, dalle 10 alle 19, sette artisti della Scuola Napoletana dei Madonnari realizzeranno immagini (alcune classiche e altre con effetto 3D) nelle strade e nelle piazze della città. Un motivo in più per passeggiare nel centro storico, magari partecipando alle visite gratuite organizzate per tutto il periodo delle festività dal Centro Guide Arezzo e Provincia. Quattro gli itinerari a disposizione: storie di donne eroiche a confronto; antiche maestrie; immagini mariane e devozione natalizia; la vera storia di Babbo Natale.

Lo scorso 18 novembre in Piazza Grande, cuore del centro storico, è già stato inaugurato il Villaggio Tirolese, una ricostruzione dei mercatini dell’Avvento tipici del nord Europa, che resteranno aperti fino al 1° gennaio 2018. Nelle 32 caratteristiche casette in legno, gli operatori dei più famosi mercati natalizi italiani e stranieri, da Trento, Merano e Bolzano a Salisburgo e Francoforte, mettono in vendita i loro migliori prodotti artigianali ed enogastronomici, per scaldare l’atmosfera in città nei giorni più incantati dell’anno. Nella grande baita tirolese, collocata nella parte alta della piazza di fronte al Loggiato Vasariano, ci si può rilassare sorseggiando vin brulé o birra al caldo tepore del legno e dei profumi del Natale oppure all’esterno, nella grande terrazza con vista sulle case-torri medievali. A dominare Piazza Grande anche un Albero di Natale alto 14 metri, illuminato da 1800 led di luce calda. Il palazzo della Fraternita dei Laici fino al 24 dicembre ospita la Casa di Babbo Natale, dove i bambini possono consegnare la letterina dei desideri e fare una foto con il personaggio che più rappresenta la tradizione natalizia. Durante i fine settimana e nei giorni festivi il Villaggio Tirolese sarà animato da una serie di eventi: comcerti gospel, lanci di lanterne, spettacoli, cene a tema.

Altri mercatini di Natale sono allestiti in Piazza San Jacopo e in Piazza Risorgimento, mentre in Piazza Guido Monaco sono in mostra oggetti di artigianato e opere dell’ingegno. I portici del centro città, infine, ospitano stand con prodotti enogastronomici del territorio.

Rispondi